Home Alimentazione Il Curry, la Spezia che previene il Diabete

Il Curry, la Spezia che previene il Diabete

0
SHARE

Chi soffre di diabete deve rinunciare a tanti cibi per poter tenere sotto controllo questa patologia. Ma stando alle ultime scoperte deve invece dire di sì al curry. Avete capito bene, la nota spezia di origine indiana è utile per prevenire il diabete. A rivelarlo è uno studio thailandese, condotto da un gruppo di ricercatori dell’università di Srinakharinwirot.

Lo studio ha preso in esame un campione di 240 persone pre-diabetiche. Ad alcuni di questi pazienti è stato dato un placebo al giorno per un determinato periodo di tempo, mentre ad altri, per lo stesso periodo, sono stati dati 250 mg di curcuminoidi al giorno. Il risultato di questo esperimento è stato il seguente: dopo nove mesi parte dei pazienti che avevano assunto quotidianamente placebo risultava aver sviluppato il diabete di tipo 2, mentre nessuno di coloro che avevano assunto curcuminoidi aveva contratto questa malattia. Pertanto, alla luce di quanto è emerso, i ricercatori hanno concluso che la curcuma, inserita nella propria alimentazione, aiuta a tenere il diabete alla larga.

Ma cerchiamo ora di saperne di più su questa spezia dal colore giallo ocre, usata tanto in India e da un po’ di tempo molto diffusa anche nella cucina occidentale. A quanto pare il curry non è utile solo a tenerci lontani dal diabete, ma è pieno di virtù e benefici per la nostra salute. Esso infatti aiuta anche a ridurre il rischio di insorgenza di malattie cardiache, riesce a difendere il nostro cervello da malattie come l’Alzheimer e il Parkinson e in più è in grado di contrastare alcuni tipi di tumore come quello all’esofago. Dunque mangiare curry non vuol dire soltanto insaporire i propri piatti ma avere una salute di ferro. E per chi tiene oltre che alla propria salute anche alla propria linea? Anche in questo caso il curry è indicato, visto che non solo tiene sotto controllo la glicemia ma fa più bruciare più calorie. Che aspettate a mangiarlo?

Fonte immagine: menshealt.it

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here