Home Attività Fisica Come Scegliere e Usare i Fanghi Anticellulite

Come Scegliere e Usare i Fanghi Anticellulite

0
SHARE

La dieta e l’attività fisica nulla hanno fatto contro la cellulite? E’ allora arrivato il momento di sconfiggere l’odiatissima pelle a buccia d’arancia con un trattamento specifico: i fanghi. I fanghi rappresentano la miglior terapia d’urto contro la cellulite. Essi si ottengono essenzialmente attraverso l’acqua, l’argilla ed un terzo ingrediente fondamentale per contrastare la cellulite: le alghe. Esistono alghe di diversi tipi, ma sembra che quelle più efficaci contro questo inestetismo cutaneo siano quelle provenienti dai fondali marini del Giappone e della Bretagna, perché sarebbero ricche in modo particolare di sali minerali e di vitamine.

Se i fanghi sono considerati un trattamento efficace per far guerra alla cellulite è sia grazie alla loro composizione che grazie alla forza della loro azione. Essi si applicano prevalentemente sulle gambe, per intervenire sulle cosce e i glutei, le zone più colpite da questo problema. Ma sono usati con altrettanto successo anche sulla pancia e sulle braccia, dove agiscono per eliminare quel terribile “effetto tendina”. I fanghi agiscono contemporaneamente sia sulla parte interna che su quella esterna della zona desiderata: all’interno migliorano la ritenzione idrica, mentre all’esterno eliminano le cellule morte, conferendo alla pelle un aspetto notevolmente più curato.

Ma tra i tanti prodotti che il mercato ci mette a disposizione, come bisogna orientarsi nella scelta di quello più adatto? Come abbiamo anticipato, i fanghi più efficaci per un trattamento anticellulite sono quelli che contengono alghe al loro interno. Tra quelli più famosi troviamo i fanghi d’alga Guam, che devono il loro successo proprio al tipo di alga, raccolta sui fondali marini in condizioni ottimali, tra la primavera e l’estate. Pensate che in queste alghe si concentrano fino a 50mila volte le proprietà dell’ambiente marino.

Quanto invece all’applicazione, qualsiasi tipo di marca e fango stiate usando, il consiglio è di miscelarlo prima di stenderlo omogeneamente sulla pelle. Di solito i fanghi si lasciano agire per almeno 30-40 minuti, dopo i quali si procede alla rimozione sciacquando la zona interessata con acqua tiepida. Per vedere dei risultati sono necessarie almeno due applicazioni settimanali per tre mesi.

Fonte immagine: pourfemme.it

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here